top of page

Bioenergetica e la spiritualità del corpo, classi condotte da Alessandro Sieni

Aggiornamento: 1 apr

E' solo nella perfetta armonia tra corpo, mente ed emozioni che possiamo raggiungere un senso di integrità morale e personale, di amore per gli altri e rapporto con il divino.

Grazie a questo sublime equilibrio è possibile conseguire quello "stato di grazia" tanto difficile da ottenere nella vita odierna.





… [La bioenergetica si basa sull'opera di Wilhelm Reich, che fu mio maestro dal 1940 al 1952 e mio analista dal 1942 al 1945. Conobbi Reich nel 1940 alla New School for Social Research di New York, dove teneva un corso di analisi del carattere. Mi colpì il programma del corso, che verteva sull'identità funzionale fra il carattere di una persona e il suo atteggiamento corporeo, o armatura muscolare. Il termine "armatura" o "corazza" indica lo schema globale delle tensioni muscolari croniche del corpo. Vengono definite così perchè servono a proteggere l'individuo contro le esperienze emotive dolorose e minacciose. ] … pagina 9 del libro "Bioenergetica" Alexander Lowen - 1975


Per Lowen erano importanti i seguenti punti:

  1. La struttura caratteriale per comprendere la personalità.

  2. Il Grounding: attraverso il contatto con il corpo si può stabilire il contatto con la propria storia e con il problema, trovando così l’integrazione tra mente e corpo fino all’autocomprensione, alla sicurezza emozionale.

  3. La respirazione.

Lowen prende in considerazione cinque situazioni psicodinamiche che contribuiscono alla formazione del carattere:

  • carattere schizoide

  • carattere orale

  • carattere psicopatico

  • carattere masochista

  • carattere rigido

 

Dall’integrazione mente corpo si scopre il piacere oltre la corazza difensiva, in questo modo si innesca una spirale di crescita.


“Il cambiamento è possibile, ma deve partire dall’accettazione di se stessi”


Il Seminario esperienziale di “Analisi Bioenergetica” (classe di esercizi Bioenergetici condotte da Alessandro Sieni) ha l’obbiettivo di permettere a chiunque di poter sentire quanto le emozioni che animano la nostra quotidianità siano spesso bloccate dentro ad un guscio di sofferenza, una sorta di censura autoimposta che ci impedisce di esprimere liberamente ciò che proviamo, riducendo enormemente, se non addirittura annullando, la nostra possibilità di vivere pienamente la vita.


Vivere pienamente, significa poter esprimere in modo libero ogni nostro sentire, dando la possibilità al nostro “ vero sé “ di espandersi e riempire di piacevolezza, gioia, entusiasmo e calore la nostra esistenza.

Recuperare il “ sé “, quello autentico, sepolto sotto alla storia della nostra infanzia, diventa l’obbiettivo di tutto il lavoro, perchè in ciò si situa la possibilità di poter finalmente iniziare a vivere appieno la nostra vita di adulti, esprimendo le nostre migliori potenzialità in modo realistico e costruttivo.


La riscoperta del corpo come mezzo elettivo di espressione delle emozioni, può considerarsi il centro di tutto il lavoro in Analisi Bioenergetica e il traguardo che spezza le catene di una vita che spesso non è la nostra, ma bensì il miglior compromesso che siamo riusciti ad escogitare per essere ciò che gli altri si aspettano da noi, rinunciando a ciò che invece siamo realmente.


Una esistenza la quale appare più come una recita che non come la nostra splendida ed irripetibile avventura personale.

Nei due livelli che compongono il percorso delle Classi di Bioenergetica, sarà svolta una attività di analisi delle principali nevrosi (strategie di sopravvivenza) approntate da ognuno e, nel contempo, di recupero della propria vitalità (fisica, emotiva e psicologica) attraverso la percezione del corpo e di come le emozioni da noi negate si muovano “in” e “attraverso” di esso.


E’ l’inizio di un viaggio alla riscoperta di ciò che si è realmente, per tornare ad essere capaci di rispettare la dignità, il valore e l’unicità di cui ognuno di noi è portatore.


 

Alexander Lowen Alessandro Sieni Analisi Bioenergetica in Italia
I caratteri: Alexander Lowen Analisi Bioenergetica e la spiritualità del corpo


… [ L'idea della resa è impopolare per l'individuo moderno, il cui orientamento si basa sull'idea che la Vita sia una lotta, un combattimento, o quanto meno una contesa.

Molte persone considerano la vita un'attività che tende a un qualunque conseguimento, a un qualche successo.


L'identità personale spesso è più legata all'attività della persona che al suo essere.


Ciò è tipico di una cultura narcisista, nella quale l'immagine è più importante della realtà.


In una cultura narcisistica il successo sembra conferire autostima, ma solo in quanto gonfia l'IO dell'individuo.


Il fallimento ha l'effetto opposto giacché produce una deflazione dell'IO.


In questo clima, la parola 'resa' è equiparata a sconfitta, ma in realtà è solamente la sconfitta dell'IO narcisistico.


Senza una resa dell'IO narcisistico non è possibile abbandonarsi all'Amore.

Senza tale abbandono, la gioia è impossibile.


Resa non significa abbandono o sacrificio dell'IO.

Significa invece che l'IO riconosce il proprio ruolo subordinato al sé, la propria funzione di organo di coscienza e non il padrone del corpo. ] … pagina 26 del libro "Arrendersi al corpo" Alexander Lowen - 1975



 

PROGRAMMA CLASSE 1:

  • Cosa sono le “nevrosi”

  • La percezione del corpo

  • L’Infanzia : dove inizia tutto

  • Le emozioni: la nostra salvezza

  • Radicamento al suolo e “Realtà”

  • I caratteri e le personalità 1

Il secondo livello conclude il percorso del Seminario Esperienziale di “Analisi Bioenergetica”, avendo svolto una attività di analisi delle principali nevrosi (strategie di sopravvivenza) approntate da ognuno e, nel contempo, di recupero della propria vitalità (fisica, emotiva e psicologica) attraverso la percezione del corpo e di come le emozioni da noi negate si muovano “in” e “attraverso” di esso.

Rimane comunque, volendo, l’inizio di un viaggio alla riscoperta di ciò che si è realmente, per tornare ad essere capaci di rispettare la dignità, il valore e l’unicità di cui ognuno di noi è portatore.


PROGRAMMA CLASSE 2:

  • I caratteri e le personalità 2

  • Il narcisismo

  • Il recupero del vero Sé

  • Diventare padre e madre di sé stessi

  • Il corpo: fonte di piacere e vitalità

  • Essere adulti: sapersi amare per sapere amare


A cura di Alessandro Sieni naturopata, specializzato in Analisi Bioenergetica di Lowen, kinesiologo, iridologo e ideatore del metodo di Kinesiologia dell’Inconscio.


 

Gli eventi traumatici sono assai più frequenti di quello che si creda durante l'infanzia e nel corso della crescita, essi vengono allontanati dalla memoria e dalla consapevolezza, sia attraverso la rimozione che la negazione.


La realtà affettiva durante l'infanzia, purtroppo, è colma di esperienze di sofferenza, spesso anche traumatiche, assai sottovalutate e minimizzate dagli adulti di riferimento, che quasi sempre sono anche gli artefici di tali sofferenze.


Scrive Lowen che i bambini non tollerano la sofferenza, e vivere con persone rigide, impazienti, aggressive e giudicanti, crea sofferenza profonda, che i piccoli, non sapranno gestire in alcun modo, se non con meccanismi atti alla sopravvivenza. Questo adattamento per sopravvivere crea sensazioni continue di stress, che producono una secrezione ricorsiva di cortisolo.

Ma livelli eccessivi di questo ormone dello stress, inibiscono il funzionamento dell’ippocampo, pertanto più soffri più avrai inibizione della memoria.

Se a ciò si aggiunge la secrezione di catecolamine (adrenalina, noradrenalina, epinefrina) che aumentano la codifica implicita della paura, a opera dell’amigdala, si può comprendere che, anche in condizione di non pericolo, il bambino farà fatica a sentirsi al sicuro, pensare che tutto va bene, perché questa codifica neurobiologica impedisce all’organismo di rilassarsi.


I traumi e le sofferenze affettive bloccano l’elaborazione esplicita, ovvero la capacità di ricordare e riflettere su quello che ci è accaduto, e intensificano la memoria implicita, in cui vengono codificate le sensazioni corporee ed emozioni dolorose e questa forma di memoria rimane sempre attiva, in modo latente.

Questo significa che dentro di noi vive una quantità enorme di materiale energetico emotivo doloroso non consapevolizzato, e questo crea una pressione energetica di incredibili proporzioni, che può esplodere, creando situazioni di malattia fisica o psichica e difficoltà esistenziali. Per uscire dal processo automatico della memoria implicita, che ci blocca nel passato anche da adulti, ci si deve fermare e cercare di entrare nei Ricordi, in modo attivo e intenzionale, usando il corpo, in maniera volontaria come canale prioritario di accesso al sentito emotivo partendo dal presente. Il corpo è nel presente e non mente, le sensazioni del corpo sono la via prioritaria al vissuto.


La guarigione delle ferite del passato si realizza attraverso il movimento energetico che avviene nel corpo e nella mente e si fortifica attraverso una attività di impronta prettamente spirituale.




 

Qui video di presentazione di Bioenergetica la spiritualità del corpo con Alessandro Sieni




 


LIBRI CONSIGLIATI di Alexander Lowen per chi volesse approfondire questo tema. Cliccando sull'immagine si potrà acquistare il libro online con un piccolo sconto 👇
















 


ALTRO AUTORE CONSIGLIATO DA ALESSANDRO SIENI

Il dramma del bambino dotato e la ricerca del vero sé. Alice Miller




 


SE HAI PIACERE DI SEGUIRE LE NOSTRE ATTIVITA'

E RIMANERE AGGIORNATA\O


Seguici sui nostri canali 👇

3️⃣ Gruppo Facebook Club del Gatto Community ღஐღ https://www.facebook.com/groups/clubdelgattocommunity

4️⃣ Pagina Facebook Centro olistico Club del Gatto CAT https://www.facebook.com/clubdelgatto



Comments


bottom of page