Non siamo fatti di un solo corpo. Ecco il biocampo umano.

Aggiornato il: 22 nov 2019


Il biocampo umano è il modello energetico o matrice che crea la forma umana. Ogni essere umano e ogni creatura vivente su questo pianeta ha una struttura di biocampo.

Il biocampo umano è multidimensionale, offre la forma fisica 3D insieme agli aspetti vibrazionali dei piani emotivi e mentali e oltre. Il biocampo è olografico e predeterminante quello che siamo, mentre allo stesso tempo riflette il nostro stato di essere momento per momento.

Se viene rimossa qualsiasi porzione del corpo fisico, rimane il progetto olografico di quel tessuto. Il biocampo può essere letto, scansionato e interpretato in molti modi diversi, proprio come qualsiasi struttura.

Collega direttamente l'attività cellulare dei corpi con le vie meridiane per creare la forma fisica e tutti gli altri aspetti vibratori dell'essere. Questo campo energetico è come una superstrada che consente al DNA delle nostre cellule di comunicare più velocemente della luce e di mantenere un'intelligenza coerente, olistica, nell'organismo. Il biocampo viene comunemente chiamato aura, ma questo non è strettamente accurato in quanto il biocampo è composto da più frequenze e informazioni.

Ognuno di noi è un essere energetico. In realtà, siamo tutti esseri di luce esistenti su più dimensioni.

Tutti noi consumiamo diverse frequenze di luce in più modi per creare chi siamo. Il tuo biocampo è una struttura vivente complessa e l'energia di quella struttura viene a volte definita energia quantica. In effetti, siamo esseri molto complessi che esistono come una combinazione di fino a 22 stati vibratori, interconnessi con un massimo di 14 strati di DNA, tutti basati sull'energia della luce.

Questi stati vibratori si uniscono o si formano attorno al punto zero del cavo centrale. Si noti che ho detto cavo centrale, non cavo d'argento, che è un concetto diverso. Ogni stato è a sua volta supportato da sfere di energia o sephirot come raffigurato nell'albero della vita ebraico. (Si prega di notare che non voglio introdurre alcun aspetto religioso qui. È solo il modello di struttura che utilizzo per aiutare a descrivere meglio il biocampo). Questo è un termine descrittivo classico per il simbolo mistico centrale usato nella Kabbalah del Giudaismo esoterico, anch'esso conosciuto come il 10 Sephirot. L'albero, visivamente o concettualmente, rappresenta una serie di emanazioni divine della creazione di Dio. In questo modo, i Kabbalisti svilupparono il simbolo in un modello completo di realtà, usando l'albero per rappresentare una mappa della Creazione.

Ogni stato vibratorio umano è a sua volta supportato da sfere di energia o sephirot come raffigurato nell'albero della vita ebraico nell'immagine qui di seguito.


Quando stavo esplorando per la prima volta la guarigione energetica, questo concetto mi è stato presentato e non sono riuscito a capirlo. Devo essere onesto e dire che non riesco ancora a comprendere pienamente il concetto, ma percepisco modelli simili all'interno del biocampo durante una sessione di guarigione. I pattern che percepisco sono comunemente molto più complessi dei 10 Sephirot ritratti in questa immagine.

Per semplificare, puoi interpretare ogni centro energetico come un giroscopio indipendente, con dimensioni entro le dimensioni. Giroscopio è una descrizione appropriata perché è così che mi vengono presentati in una sessione di guarigione. A volte diventano sbilanciati o rallentano e non riescono a mantenere il corretto allineamento. Quando ciò si verifica, dobbiamo fare delle regolazioni su più piani ed è come regolare le ruote all'interno delle ruote fino a trovare l'allineamento corretto. Pensaci per un momento. Se il tuo giroscopio è bloccato, come puoi rimanere in rotta?

Puoi interpretare ogni centro energetico come un giroscopio indipendente, con dimensioni entro le dimensioni. Questi centri energetici supportano i vari piani vibrazionali del biocampo. Spesso necessitano di un nuovo tuning; le regolazioni su un piano influiranno su un altro.

Il numero totale di centri di energia sarà diverso per ogni individuo. Ogni persona è unica, emergendo come una delle molte combinazioni possibili. Riconosciamo che i tuoi filamenti di DNA possono diventare ristretti e richiede pratiche curative uniche per srotolare o aprire il DNA, consentendo una maggiore espressione della luce. Alla fine questo è ciò che siamo, espressioni di luce.

Il termine biocampo umano viene spesso definito il campo energetico umano.

Alcuni lo descriveranno anche come la tua Aura, ma non è molto preciso, come ho già detto. Se una persona può vedere la tua aura in qualche modo, di solito percepisce una piccola gamma di frequenze all'interno di un campo energetico molto complesso. Sarebbe l'equivalente di guardare un'immagine su uno schermo televisivo e ignorare le complessità implicate nella trasmissione di quell'immagine; ignorando i milioni di pixel che compongono l'immagine. Proprio come posso vedere i blocchi all'interno del campo energetico umano, è solo all'interno di una particella gamma di frequenza. Per quanto prezioso possa essere, non è ancora l'intero quadro.

Il vincitore del premio Nobel Albert Szent-Györgyi disse una volta: "Viviamo con un piccolo rivolo di elettricità dal sole ", E ha ragione. Il miracolo della fotosintesi trasforma le frequenze luminose del sole in piante verdi, alberi, erbe ed erbe medicinali. Quando vengono consumati e digeriti, queste piante rilasciano nutrienti e molteplici frequenze di luce nel corpo umano. Inoltre, come esseri umani assorbiamo direttamente le energie luminose dal sole nei nostri corpi.

Abbiamo bisogno di accedere alle frequenze della luce per nutrire il biocampo umano e, a sua volta, il nostro corpo fisico. Siamo tutti esseri formati da energie sottili oltre che materiali e abbiamo bisogno del nutrimento di luce per sopravvivere. La maggior parte delle persone sarebbe consapevole del fatto che dobbiamo avere una certa esposizione alla luce diretta del sole ogni giorno per una buona salute.

Il beneficio della luce solare diretta viene insegnato nella fisiologia scolastica di base. Insieme alla produzione di vitamina D ci sono una miriade di altre funzioni che dipendono dalla luce. Ma abbiamo anche bisogno di accedere ad altre frequenze della luce per nutrire il biocampo umano e, a sua volta, il nostro corpo. L'energia cosmica (yang) viene raccolta direttamente attraverso la corona mentre altre frequenze vengono assimilate attraverso i restanti chakra.

Abbiamo anche bisogno di essere radicati sulla Madre Terra (yin) per rilasciare energie dannose in cambio di altre frequenze di guarigione. Altre fonti di energia luminosa devono essere consumate attraverso i nostri alimenti. Sto parlando di frutta e verdura fresca, preferibilmente coltivata biologicamente, che ha catturato l'energia della luce e l'ha trasformata in nutrienti viventi. Nutrienti che vengono rapidamente assorbiti e assimilati nelle cellule del nostro corpo, non morti, senza vita, spazzatura trasformata. Il nostro consumo di acqua deve essere considerato allo stesso modo. L'acqua in bottiglia, per esempio, è acqua senza vita. Il biocampo o campo energetico umano ha il potenziale per essere corrotto e il flusso di energia bloccato.

Quando il flusso viene bloccato o interrotto, non è possibile mantenere un naturale equilibrio salutare e gli stati di malattia diventeranno evidenti. Alimenti contaminati e senza vita, tossine ambientali, parassiti, infezioni virali croniche, chirurgia, traumi emotivi e schemi di pensiero negativi, così come energie sbagliate e interferenze inter-dimensionali, hanno tutti il potenziale di interferire con il flusso di energia. Tutto ciò che consumiamo, sia fisicamente e mentalmente, ha delle conseguenze. Queste conseguenze possono essere di supporto alla nostra salute o il suo degrado. Quello che molte persone non capiscono è che i modelli genetici ereditari, e anche le vite precedenti possono avere un effetto sull'energia luminosa del biocampo. È qui che entra in gioco la guarigione energetica fornendo le tecniche per attraversare più dimensioni e apportare cambiamenti positivi. Quindi, avendo definito il biocampo umano, possiamo passare al regno della guarigione energetica.

Fonte dell'articolo : http://www.red-spirit-energy-healing.com Guaritori spirituali australiani




Presso Centro olistico e culturale Club del Gatto C.A.T. abbiamo il piacere di ospitare la guaritrice energetica e spirituale Anna Maria Pinto che dal 2014 è con noi ogni due mesi per i trattamenti energetici con il Metodo di Pulizia dei 3 corpi.

Ecco una breve descrizione di effetti e benefici :

"Metodo di Pulizia dei 3 corpi: fisico, emozionale e spirituale. (tradizione filippina). Anna Maria Pinto nelle sue capacità e talenti utilizza anche il Metodo di Pulizia dei 3 corpi che agisce su più livelli. La guarigione spirituale può riguardare l’ambito emotivo, psicologico (paure, ansie, fobie), oppure direttamente quello fisico. Lavora sui tre corpi e sui blocchi che possono esistere su uno o su tutti, quindi è indicato per il recupero del corpo fisico (es. dopo un trauma, un incidente) tanto quanto per il mentale ed emozionale e vibrazionale (es. dopo un lutto, un grosso dispiacere, stati emotivi altalenanti, crisi emotive); così come per lo spirituale. Riequilibra gli scompensi emozionali e mentali, scioglie memorie che ci portiamo da altre vite o si sono ereditate nella linea genealogica, aiuta a eliminare le tossine dal corpo fisico. >>> Affidando il processo alle proprie guide, ciò che fa un guaritore spirituale è lasciarsi guidare nell’identificare questi blocchi e nell’agevolare la loro rimozione e riequilibrio armonico portando il messaggio che alberga dentro al “blocco” dei corpi e portandoli alla conoscenza e consapevolezza della persona che prendendone atto lo può trasformare e liberare!"

Per info chiama la segreteria al 3398969639

Sito ufficiale di Anna Maria Pinto QUI : http://www.annamariapinto.it/


#club #spiritualità #annamariapinto #anima #conoscenza #vitepassate #olistico #psicologia #natura #guarigione #ferite #trauma #curadisé #energia #salute #medicinaalternativa #benessere #corpisottili #metodofilippino